campania arte danza | spettacoli | eventi | rassegna stampa | foto gallery | curiosità | bacheca | download | news | contatti | link
 
 
 curiosità
 .:: balletto o danza?
 .:: origini della danza
 .:: danza nell'arte
 .:: capolavori del balletto
 .:: dizionario della danza
 .:: generi della danza
 .:: lezioni di danza
 .:: grandi ballerine/i
 .:: grandi coreografi
 .:: biblioteca
 .:: videoteca
   
home > curiosità > scarpette
Le Mezze Punte    

Le mezze punte sono in cuoio o in tela. Quelle in cuoio sono più solide e meno flessibili, per questo vengono raccomandate per gli allievi debuttanti.
Possono essere costituite da una soletta intera o a doppia goccia. Quelle a doppia goccia sono più flessibili e vengono usate spesso dai professionisti. Le solette intere fanno lavorare meglio il collo del piede in quanto presentano maggiore resistenza. Per questo motivo sono indicate per gli allievi debuttanti e medi
........................................................................................................

Le Punte    

La storia delle punte 
La parola “pointé” indica la tecnica che consiste nel danzare sulla punta dei piedi, ma la parola indica anche la scarpina che consente di operare in questo modo.
Le origini dell'uso delle punte non sono ben conosciute. Sembra che esse siano state già utilizzate nel XVIII secolo da danzatori maschi nei teatri da fiera napoletani.
All’inizio del XIX secolo, divengono esclusivamente femminili. Questo uso nasce quando la scarpina piatta soppianta la scarpina col tacco: progressivamente il lavoro del piede in mezza punta portato al limite estremo conduce naturalmente verso l’utilizzo di una nuova scarpina che consenta di andare sulle punte.
Intorno al 1820, già molte danzatrici cominciano a sperimentare in scena la tecnica delle punte che si afferma definitivamente con Maria Taglioni, quando nel 1832, danza La Sylphide il primo balletto interamente interpretato sulle punte che acquisiscono altresì una dimensione simbolica in quanto rispondono all’immagine del Romanticismo della donna eterea. In effetti, grazie ad esse, la donna cessa d’essere legata alle leggi dell’anatomia e diventa una creatura soprannaturale.
Progressivamente, la tecnica delle punte si perfeziona. I passi di danza sempre più numerosi e complessi (ballonné, changement de pied, relevé, tour etc.) necessitano di un apprendimento particolare e di scarpine rinforzate la cui costruzione si evolve con il tempo e differisce secondo le scuole delle varie nazioni: le punte inglesi, per esempio, presentano un profilo molto fino ma sono più larghe di fronte mentre le punte russe sono più a forma conica.
Anche i coreografi iniziano a creare balletti che privilegiano il lavoro della danzatrice sulle punte. Tra questi un posto importante occupa Marius Petipa, grande  propulsore del virtuosismo nei balletti. Infine, le punte sono divenute il simbolo della danza classica e neoclassica.
 
Anatomia della punta
La Punta è formata da tre parti:

a) La parte esterna, che consiste nella parte estetica della scarpina, essa ricopre il piede ed è in raso. Esistono anche scarpine che utilizzano altro materiale meno lucido o tessuto elasticizzato. La parte estrema della punta si chiama empeigne” (impegno) : L’altezza dell’empeigne dipende dalla qualità del piede e dalla sua morfologia. Sarà alta se le dita sono lunghe e il collo del piede forte, corta nel caso contrario e media per i piedi intermedi. Il tallone e la scollatura devono essere anch’essi adatti al piede. Per una migliore adesione del tallone, è preferibile aggiungere un elastico che circondi la caviglia tenendo così la scarpina ben ferma al piede. Alcune ballerine preferiscono cucire un elastico più piccolino dietro il tallone, attraverso il quale fare passare i nastri e lasciare così maggiore libertà alla caviglia. Il cordoncino che si trova all’interno della scollatura della scarpina non dovrà essere troppo stretto per evitare danni al tendine d’Achille.

2) L’embout, che consiste nella piattaforma, la base sulla quale tutto il peso del corpo si posa. Incollate all’interno degli spessori di tela induriscono la punta ed avvolgono le dita del piede come un guscio (parte dura sotto l’empeigne). Le dita devono essere ben allungate nel guscio.

3) La soletta, consiste nella parte più importante  in quanto è la parte più stretta della scarpina e sostiene il piede dal tallone alla punta. La soletta interna è generalmente composta di cuoio o da policarbonato. Per i piedi molto forti esistono punte con le doppie solette. La soletta esterna è generalmente composta da cuoio.
 
A che età iniziare a studiare sulle punte?

In genere, le bambine che hanno cominciato a studiare danza tra i 5 e i 10 anni possono iniziare a mettere le punte vero i 12 anni. Non è però sempre così. Bisogna infatti attendere che l’ossatura e la muscolatura siano abbastanza solide per potere reggere senza danni il lavoro sulle punte. In qualche caso, dunque, bisognerà attendere, e nel frattempo lavorare per irrobustire le caviglie e sviluppare il collo del piede. E’ importante comunque non iniziare senza l’apporto del proprio insegnante, il quale potrà giudicare se si è pronti allo studio con le punte e potrà insegnarvi la tecnica giusta e correggere i vostri difetti.
 
Preparare le punte per l’uso
Bisogna cominciare cucendo i nastri e gli elastici. Ogni ballerina ha un metodo personale nel cucire i lacci adattandoli anatomicamente al proprio piede. Per trovare  il posto corretto dei nastri, piegare la parte posteriore della scarpina (il tessuto) all’interno verso la punta. I nastri vanno collocati al limite della piegatura. L'ideale è di cucire ogni laccio alla metà circa della scarpina, facendo molta attenzione ad effettuare una cucitura forte, che eviti insomma di cedere e di far perdere la punta stessa. Poi si dovrà trovare il modo giusto di legare i lacci alla caviglia. Uno dei tanti metodi è quello di prendere il laccio interno e farlo girare intorno alla caviglia, passando avanti, tenerlo con la mano sinistra dietro al malleolo interno, prendere ora il laccio esterno e farlo girare sopra l'altro, fino ad arrivare al malleolo interno ed unire i due lacci con un nodo, poi nascondere il nodo sotto al laccio che è sopra ed infine tirare l'estremità dei lacci e nasconderli sotto quello che è sotto.
L'effetto finale renderà visibili i due lacci lisci e tesi, e invisibile il nodo. Così legati inoltre, i lacci non andranno a "stressare", infiammando, il tendine d'Achille. Per evitare ciò infatti, è opportuno nascondere il nodo in quella "cavità" della caviglia sita fra il malleolo interno e il tendine d'Achille. Infine può essere utile cucire la punta della scarpina lungo il bordo, per coprire e proteggerne il raso ed aiutarne la stabilità. E' possibile valutare l'efficacia di questo tipo di cucitura facendo una semplice prova: se la scarpina rimarrà in piedi da sola, si sarà raggiunto lo scopo, e potrà essere d'aiuto negli equilibri e nei giri. E’ utile anche mettere un elastico che aiuterà a tenere ben ferma la scarpina. Cucitelo all'estremità della scarpina da punta (dove sarà il tallone), al centro, in modo che l’elastico faccia il giro della vostra caviglia. Si misura cioè un pezzo di elastico sufficientemente lungo da arrivare da un lato all'altro della caviglia e si posizionano le estremità dell'elastico sulla cucitura interna della scarpa, all'altezza del tallone, e si fissano cucendo bene, ed infine si infilerà la scarpa passando all'interno dell'elastico, per poi eseguire l'allacciatura dei laccetti di raso. Questo dell'elastico è un altro modo per essere sicure di non poter mai perdere la scarpina.
Con un altro tipo di elastico, meno spesso e molto più morbido, è possibile aiutare quelle ballerine col collo del piede alto.
Questo elastico è chiamato in Inghilterra "Vamp Elastic", in quanto viene cucito sopra la Vamp (ossia l'apertura della scarpa, all'altezza della mascherina). Si posiziona l'elastico all'interno dell'apertura della scarpina (sotto la cucitura interna della mascherina), e se ne cuciono i due lati.
E' consigliabile usare un color carne o rosa, in modo da non essere visibile e quindi compromettere la linea del piede.

Per preservare le punte più a lungo 
Rinforzate l’estremità esterna o con un cucitura tutto intorno alla base (operazione piuttosto lunga ma molto efficace) oppure semplicemente mettete uno strato di colla o di vernice per le unghie trasparente (Attenzione! Questo rimedio però rischia di farvi scivolare).
Quando le punte sono diventate troppo molli, mettetele nel refrigeratore. Il freddo, infatti, ha un effetto benefico sulle punte e le preserva più a lungo. Si può anche mettere una vernice speciale (tipo colla per legno)  all’interno ma è meno pratico e più rischioso in quanto, quando c’è troppo caldo la vernice si scioglie e le punte non potranno più essere indossate.

Come smollare (ammorbidire) la scarpina
Ci sono vari modi per "smollare" le punte prima dell'uso, evitando così di far troppo rumore mentre si balla:
a) Usare un martello, prima di infilare la scarpa;
b) Usare il vapore;
c) Versare della colla sulla soletta e all'interno della punta della scarpina (per non renderla poi troppo morbida);
d) Tagliare la soletta lasciando più libero il tallone;
e) Inumidire la scarpina, indossata, con alcool, per farle prendere la forma del piede;
f) Inserire la scarpa, dalla parte del tallone, nello spazio che si forma aprendo una porta, all'interno delle cerniere, ovvero tra porta e muro, una volta che la scarpa è dentro, si apre e chiude più volte, facendo sì che il peso della porta "smolli" la scarpetta.

Comprare le punte
Ogni piede ha bisogno di punte personalizzate anche perchè le scarpine da punta sono costruite interamente o in parte a mano e non c’è alcun paio identico all’altro. Occorre, quindi, ogni volta che si comprano,  provarle con grande attenzione. Non devono essere né troppo dure né troppo molli, né troppo piccole né troppo grandi, né troppo strette né troppo larghe. Indossandole osservate se i vostri alluci siano normalmente allungati ma senza avere un grande margine per muoversi. Se generalmente usate una protezione per le punte, provate le scarpine con questa, mettendovi in mezza punta. Inoltre, per verificare se non sono troppo piccole, tendete la punta e provate a pizzicare il tessuto al livello del tallone. Se è impossibile, sono troppo piccole. Inoltre non stringete troppo il cordoncino che contorna la scarpina in quanto vi deve passare giusto un dito. Se provandole, infine, vi accorgete, mettendovi in punta, che la suola si piega, significa che saranno molto presto inutilizzabili.

I malanni legati alla pratica delle punte 
Le vesciche sono dovute ad uno sfregamento prolungato della pelle contro la superficie dura. Per prevenirle, circondare le dita del piede con dei cerotti imbottiti, e indurite la pelle delle dita bagnandole con ovatta intrisa d'alcool. In ogni caso quando si formano le vesciche, si può rimediare con il "compeed", per un veloce recupero, o mantenete i cerotti sulle vesciche anche al di fuori delle ore di studio in attesa che si riformi la pelle nuova.
La deformazione degli alluci è dovuta ad una pratica intensa delle punte. Dentro le scarpine gli alluci sono compressi e non sono perfettamente allungati come nella loro posizione naturale. Si osserva spesso l’apparizione di alluci a martello, cioè sempre piegati. L’alluce inoltre ha la tendenza a deviare dalla propria posizione naturale. Per evitare o minimizzare questa tendenza, dovreste mettere tra l’alluce ed il secondo dito un piccolo pezzetto di bambagia che terrà le due dita allargate. Contro gli alluci a martello non si può far nulla tranne che non comprare scarpine troppo piccole. 
I problemi legati alle unghie sono: 
* le unghie incarnate dipendono dal fatto che sono tagliate troppo corte. Essendo un malanno molto doloroso che può impedire in modo totale la pratica delle punte, occorre alle prime avvisaglie rivolgersi immediatamente ad un podologo. In caso contrario, potreste aver bisogno di ricorrere ad un’operazione chirurgica;
* le unghia blu che cadono sono dovute da una pratica intensa dell’uso delle punte. All’inizio le unghia diventano gialle, poi blu ed infine nere (il che avviene soprattutto per l’alluce). A questo punto l’unghia cade in quanto sta nascendo quella nuova che preme. Esistono dei prodotti in farmacia che proteggono la zona in attesa che cresca l’unghia nuova. Molti problemi li arrecano anche i calli. Si può in questi casi fare un pediluvio di dieci minuti in acqua calda, per poi cercare di asportare i calli con un apposito cerotto. Altrimenti meglio recarsi da un callista.

Protezione dei piedi durante l’uso delle punte 
Uno dei modi più comuni per proteggere le dita dei piedi sono i puntali (proteggipunte), in vendita in qualsiasi negozio di danza. Se ne trovano in commercio di svariati materiali: cotone, gommapiuma, a base di silicone. Quest’ultimo sembra il più confortevole e appare molto efficace. Altrimenti, usate bende di garza, di lana o di cotone o circondate ciascun dito del piede con cerotti
........................................................................................................

torna su